Domande frequenti Essiccatore Ernesto

by Hyppocampus SRL

Si, Ernesto monta un termostato manuale. In linea di principio la temperatura massima raggiungibile, in condizioni normali, è circa 40°C. Ci sono poi dei trucchetti per aumentare leggermente la temperatura, ma di pochi gradi. Inoltre, superare i 35°C è deleterio per il prodotto finale.

Per lavorare al meglio consigliamo di non superare i cinque cestelli.

E’ importante caricare i cestelli in modo uniforme, su un unico strato, lasciando degli spazi in modo che l’aria possa passare. L’aria calda tende naturalmente a salire, quindi va verso l’alto senza problemi. Se si nota che il prodotto in alto tarda ad essiccare si possono facilmente scambiare i cestelli di posizione.

Si tratta semplicemente di scelte dettate dalla natura della componentistica e dal risultato che si vuole ottenere. L’aria calda tende naturalmente a salire e, in questo piccolo essiccatore, abbiamo deciso di assecondare questo principio fisico ineludibile.

Si. Il manuale indica come utilizzare al meglio la macchina, ma non presenta ricette.

E’ una domanda a cui non si può rispondere con precisione. Ci sono molte variabili che influenzano il tempo di essiccazione: tipologia di prodotto, quantità di acqua contenuta, presenza o assenza di buccia, spessore delle fette, condizioni ambientali ecc… In linea di principio Ernesto è un essiccatore che rispetta la naturalezza del processo essiccativo e quindi i tempi di essiccazione sono medio lunghi. Il prodotto più veloce da essiccare sono i funghi a fette: per ottenere un prodotto ben secco ci vogliono circa 24 ore. I prodotti più impegnativi sono quelli con buccia e molta acqua (pomodori e prugne per esempio): in questo caso le ore si allungano notevolmente, anche oltre le 72.

Ernesto è solido e robusto, totalmente in acciaio inox. Praticamente indistruttibile e non si usura. Per questo motivo può essere utilizzato sia dall’hobbista sia dal professionista. L’unico limite oggettivo di questa macchina è la capacità. Si tratta di un piccolo essiccatore quindi si deve rapportare il dato della capacità e del tempo di essiccazione alle eventuali esigenze professionali, notoriamente diverse da quelle di un hobbista.

Anche in questo caso dipende dalla natura del prodotto. Mezzo chilogrammo di funghi a fette sottili occupa più spazio di mezzo chilogrammo di arance a fette spesse. Il cestello ha queste dimensioni: 30×30 cm con un’altezza di 5 cm. Semplicemente tracciando un quadrato di 30×30 su foglio posso avere un’idea precisa della grandezza del cestello e rapportarlo facilmente al prodotto che intendo essiccare.

Si, esistono piccoli trucchi e sono indicati sul manuale che accompagna la macchina per aumentare la temperatura di lavoro o per preparare i prodotti in modo che essicchino prima. Si tratta comunque di piccoli guadagni di tempo.

Si, è totalmente in acciaio inox. Sia la base che i cestelli. Niente plastica.

Nel nostro Negozio On Line. Vedi il menù in alto.

Chiudi il menu